interprete di conferenza professionale italiano inglese italiano enrica bondavalliPerché dovete essere sempre in 2 in cabina per impegni che superano l’ora di lavoro?

Il lavoro mentale richiesto a un interprete è molto faticoso. Provate, per un’ora consecutiva, a ripetere parola per parola quello che si dice in un programma televisivo o radiofonico. E’ già difficile farlo nella propria lingua, immaginate dover anche tradurre e interpretare quel che si ascolta. Trascorsa un’ora si può anche continuare a parlare ma la qualità non sarà più la stessa. Ecco perché si è in 2 e ci si alterna ogni venti/trenta minuti circa

Per fare una traduzione simultanea occorre sempre una cabina fissa?

No, anzi sono abbastanza rare le volte in cui si lavora in una sala convegni dotata di cabine fisse. Esistono apposite aziende specializzate nella fornitura di cabine mobili che si possono installare in qualsiasi ambiente, anche in capannoni industriali.

Se lo spazio in sala è ridotto e non c’è posto per la cabina?

Si può installare la postazione interprete anche in un ufficio o stanza attigua alla sala convegni. Si effettua un collegamento a circuito chiuso che consente all’interprete di vedere quanto accade in sala grazie a una telecamera che invia le immagini a un monitor localizzato accanto alla postazione dell’interprete.

Non so a chi rivolgermi per noleggiare un impianto di simultanea. Come faccio?

Non ho problemi a fornire nominativi di impiantisti che, nelle varie regioni, rappresentano i miei partner di riferimento per serietà e affidabilità in modo da fornire una soluzione chiavi in mano che possa garantire la massima soddisfazione del cliente.

Ho un evento con lingua ufficiale italiano e un solo ospite straniero. Esiste un’alternativa alla classica cabina di simultanea?

Sì, c’è la possibilità di sedersi accanto all’ospite e sussurrargli la traduzione. Questo, però, potrebbe dare fastidio agli altri partecipanti, specie se la sala è piccola, quindi è preferibile ricorrere all’uso di apparecchi simili alle audioguide che permettono al relatore di sentire in cuffia come se fosse una vera e propria simultanea.

Ho un evento con una platea di centinaia di persone e non ho la possibilità di distribuire le cuffie a tutti. Come posso fare?

In questo caso la soluzione ottimale è quella di una traduzione simultanea amplificata (tecnicamente denominata oversound), dove il relatore parla senza amplificazione ed è la voce dell’interprete ad essere amplificata in sala. Questo è un servizio particolare che non tutti gli interpreti offrono. Se non si è capaci di gestirlo potrebbe tramutarsi in un disastro.

Ho un evento con più lingue. Come faccio a trovare tutti gli interpreti?

Nel mio network sono costantemente in contatto con colleghi di altre lingue, anche quelle più rare, quindi per me non è un problema comporre un’intera équipe di interpreti seri e affidabili.